Ritorna all'homepage del dipartimento MC
 homepage > documentazione > agrometeorologia > >calcolo del WCI (wind chill index)

Calcolo del WCI (Wind Chill Index)

Il Wind Chill Index* (WCI) o indice di freddo consente di valutare lo stato di malessere avvertito da persone e animali in seguito all'esposizione a condizioni di basse temperature e vento. In sostanza è una misura del tasso di perdita di calore da un corpo e permette, quindi, di stimare "la temperatura apparente", cioè la temperatura realmente percepita dall'organismo e non quella misurata nell'aria da un comune termometro. Gli animali di interesse zootecnico, infatti, essendo organismi "omeotermi", quando sono esposti a condizioni di freddo intenso e in presenza di un'elevata ventosità tendono a utilizzare una discreta parte della loro energia corporea per il processo di termoregolazione a scapito, quindi, delle attività produttive e riproduttive. Naturalmente la sensibilità dei diversi organismi a condizioni meteorologiche estreme dipende da diversi fattori quali ad esempio la specie, la razza, l'età, lo stato fisiologico e il livello produttivo.

Per il calcolo dell’indice di freddo è stata utilizzata la formula di Siple e Passel (1945) di seguito rappresentata:
equazione
dove:
Ta: temperatura dell’aria [°C];
V: velocità del vento [m/s]

Tale formula è valida per Ta<10 °C e V compreso tra 1,78 e 25 m/s.

In base alla classificazione di Siple e Passel è possibile distinguere 7 classi di disagio sempre più critiche con il decrescere dei valori dell’indice: WCI>10 sostanzialmente nessun effetto; 10WCI>-1 condizione di lieve disagio; -1WCI>-10 condizione di disagio; -10WCI>-18 condizione di elevato disagio; -18WCI>-29 possibile congelamento in seguito ad esposizione prolungata; -29WCI>-50 congelamento in seguito ad esposizione prolungata e WCI-50 rapido congelamento in seguito a breve esposizione.

Durante le giornate più fredde onde evitare perdite eccessive di produzioni o altri disturbi di carattere fisiologico si consiglia di tenere il più possibile al riparo gli animali e di somministrare loro razioni molto energetiche aumentando il contenuto di concentrati e limitando la quantità di fibra, in quanto le basse temperature tendono a diminuirne la digeribilità e, quindi, il valore nutrizionale.


Argomenti correlati
i nostri servizi>agrometeorologia>indici>WCI misurato (Wind Chill Index)
i nostri servizi>agrometeorologia>indici>WCI previsto (Wind Chill Index)





* Siple P. A. & Passel C. F., 1945. Measurements of dry atmospheric cooling in subfreezing temperatures. Proc. Amer. Phill. Soc., 89: 177-199.



dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2018 Arpa Sardegna
note legali e privacy | SardegnaArpa | mappa | statistiche