Ritorna all'homepage del dipartimento MC
 homepage > pubblicazioni > miscellanea > CERU (Corretta Esposizione alla Radiazione Ultravioletta)

CERU (Corretta Esposizione alla Radiazione Ultravioletta)
Pagina precedente Indice Pagina successiva


1. INTRODUZIONE

Il progetto, finanziato dalla Fondazione Banco di Sardegna, nasce come strumento di medicina preventiva offerto alla popolazione sarda e a coloro che si recano in Sardegna per turismo.
Negli ultimi decenni, infatti, la popolazione e l’opinione pubblica hanno preso coscienza dei rischi connessi ad una cattiva esposizione alla radiazione solare. Se, infatti, esporsi al sole è una pratica salutare, oltre che una piacevole forma di relax, è altrettanto vero che ogni individuo reagisce in modo diverso ed è più o meno esposto agli eventuali danni provocati da un’insolazione eccessiva.
Per questa ragione il SAR ed il CNR hanno scelto di mettere assieme un gruppo di lavoro eterogeneo, formato da meteorologi, fisici dell’atmosfera, biochimici ed oncologi, che ha sviluppato un prodotto in grado di prevedere, giorno per giorno, l’irraggiamento al suolo negli ultravioletti (i responsabili dei danni alla pelle) e di calcolare gli effetti sui diversi tipi di pelle.
Il prodotto offerto è dunque uno strumento per calcolare la massima esposizione non protetta che i singoli individui possono sopportare prima di incorrere in un eritema o in un ustione. Chi intenda esporsi più a lungo dovrà prendere delle precauzioni che dipendono buon senso di ognuno: creme solari, indumenti coprenti o ore del giorno con meno irraggiamento in ultravioletti.
In questa prima versione, il prodotto è stato sviluppato per il cielo sereno. Nelle successive versioni si inserirà l’effetto della nuvolosità che, riducendo l’irraggiamento ultravioletto al suolo, permette di allungare i tempi di esposizione.
Pagina precedente Indice Pagina successiva




dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2020 Arpa Sardegna
note legali e privacy | SardegnaArpa | statistiche