Ritorna all'homepage del dipartimento MC
 homepage > pubblicazioni > miscellanea > CERU (Corretta Esposizione alla Radiazione Ultravioletta)

CERU (Corretta Esposizione alla Radiazione Ultravioletta)
Pagina precedente Indice Pagina successiva


3. LA RADIAZIONE ULTRAVIOLETTA E L’UOMO
3.1. Il sole ed il suo effetto sull’organismo


Il sole è fonte di luce, vitalità e benessere, sempre che sia “usato” correttamente ed in giusta dose. In caso contrario i suoi effetti sono dannosi per pelle, occhi e sistema immunitario. Impariamo a proteggerci dal sole conoscendo le radiazioni ultraviolette UVA, UVB e scoprendo qual è il nostro fototipo per valutare il corretto tempo di esposizione al sole in tutte le stagioni, e soprattutto leggiamo i bollettini meteo, per evitare fastidiose scottature ed altri effetti dannosi dell’eccessiva esposizione al sole.
Gli UVC sono arrestati dall’atmosfera e quindi non raggiungono la superfice terrestre, altrimenti ci provocherebbero gravi scottature. Gli UVB vengono assorbiti dalle componenti atmosferiche per il 90%. Tuttavia, come visto sopra, approssimativamente un 10% di UVB riesce ad attraversare l’atmosfera e raggiungere il suolo causando diversi effetti dannosi per la salute umana. Gli UVB abbronzano la pelle, ma una esposizione non corretta provoca eritemi e scottature ed è correlata ad un aumento di rischio per i tumori della pelle. Gli UVA non sono assorbiti dall’ozono dello strato atmosferico e costituiscono quindi la maggior parte della radiazione UV che raggiunge la superficie terrestre, abbronzano la pelle, ma anche in questo caso una esposizione non corretta può essere dannosa per la salute, provoca l’invecchiamento della pelle ed è correlata ad un aumento di rischio per i tumori della pelle.
Il calore della luce solare è dovuto prevalentemente alla presenza della radiazione infrarossa (raggi caldi), la radiazione ultravioletta invece non trasmette calore per cui non ne possiamo sentire la presenza sulle pelle come sensazione termica. La parte della radiazione solare che è dannosa per la nostra pelle sono proprio i raggi UV. Noi non possiamo vederli, ma quando, dopo un’esposizione al sole, la nostra pelle è rossa e brucia, possiamo vederne e sentirne gli effetti.
La figura 8 mostra la penetrazione della radiazione nella pelle.

Figura 8 - La penetrazione della radiazione nella pelle
Figura 8 - La penetrazione della radiazione nella pelle.
Pagina precedente Indice Pagina successiva




dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2020 Arpa Sardegna
note legali e privacy | SardegnaArpa | statistiche