Ritorna all'homepage del dipartimento MC
 homepage > pubblicazioni > miscellanea > CERU (Corretta Esposizione alla Radiazione Ultravioletta)

CERU (Corretta Esposizione alla Radiazione Ultravioletta)
Pagina precedente Indice Pagina successiva


3.2. Le radiazioni UV sulla pelle

Piccole quantità di radiazioni UV sono benefiche per l’uomo, utili per la cura di alcune affezioni della pelle come psoriasi ed eczemi, ed essenziali per la produzione di vitamina D nel nostro corpo. La permanenza al sole per un periodo più o meno prolungato (la variabilità è soggettiva) può però provocare sulla pelle, in particolare se non è già abbronzata, la comparsa di effetti dannosi acuti e/o cronici. La pelle possiede naturalmente dei mezzi di protezione intrinseci che sono rappresentati dallo strato corneo dell’epidermide, lo strato cellulare più esterno e più spesso, e dalla melanina, un pigmento scuro prodotto da cellule specializzate, i melanociti, presenti in quantità diversa, secondo il tipo di carnagione (vedi: i fototipi), nello strato basale dell’epidermide. Quando ci si espone al sole gradualmente e la pelle si abbronza si ha un aumento di produzione della melanina ed un aumento di spessore dello strato corneo della cute che contribuiscono a proteggere la pelle attenuando la penetrazione delle radiazioni UV negli strati più profondi dell’epidermide. Quando l’esposizione non è graduale e la pelle non ha il tempo di “adeguarsi” alle condizioni cui è sottoposta, questo non avviene ed è quindi priva di protezione, più sensibile ai danni delle radiazioni UV.

L’eritema solare. Scottature ed eritema solare sono gli effetti acuti più noti dell’esposizione eccessiva e non progressiva alle radiazioni UV. L’eritema consiste nella comparsa di un tipico arrossamento della cute spesso accompagnato da bruciore e/o edema (gonfiore) della zona interessata. Se l’esposizione è stata particolarmente intensa si può avere anche la comparsa di vescicole o bolle seguite da erosioni (ustioni solari).

I fototipi. Esiste una grande variabilità individuale riguardo ai tempi di esposizione minimi che provochino la comparsa di eritema ed alla capacità di adattamento all’esposizione al sole, e tale variabilità dipende dal tipo di pelle di ogni individuo. Si usa suddividere il tipo di pelle in categorie, dette fototipi (da photos=luce e tipo, categoria), proprio in base alla sua reazione all'esposizione al sole (disposizione all'abbronzatura/arrossamento/scottatura). Possiamo distinguere sei differenti fototipi caratterizzati da diverso colore della pelle (diverso grado di pigmentazione), dei capelli, dalla comparsa di eritemi e dall’attitudine ad abbronzarsi. Nella tabella 1 sono descritte le caratteristiche principali dei singoli fototipi e viene indicata la diversa reattività alle radiazioni solari.
Più basso è il fototipo maggiori sono le probabilità di scottarsi e maggiore sarà il rischio di danno da esposizione solare. Essendo il fototipo espressione delle caratteristiche di ogni individuo in relazione alla personale sensibilità all'esposizione alle radiazioni UV, conoscere il proprio fototipo è importante perché ci permette di valutare correttamente il tempo ottimale di esposizione al sole in una determinata fascia oraria di una precisa giornata. A tale proposito esistono delle tabelle che forniscono indicazione dei tempi di arrossamento in dipendenza dal fototipo e dall’intensità della radiazione UV e che permettono di valutare, almeno in condizioni standard di esposizione, i tempi limite per l'arrossamento (ossia il tempo trascorso il quale la pelle inizia ad arrossare). I fototipi più sensibili e che quindi richiedono maggiore protezione sono quelli più bassi, mentre all'aumentare del fototipo aumenta anche la resistenza all'esposizione. I soggetti più sensibili e più facilmente interessati dall’eritema solare sono i bambini, gli anziani ed i soggetti di carnagione chiara con lentiggini, capelli rossi o biondi (fototipi 1 e 2), caratterizzati da una scarsa produzione di melanina.

Tabella 1 – Fototipi principali
Fototipo Descrizione Reattività al sole
1 Capelli biondo-rossi, occhi chiari, carnagione molto chiara, lattea, con efelidi (lentiggini). Estremamente sensibile, si scotta sempre, eritema sempre presente, non si abbronza mai.
2 Capelli biondi, castano-chiari, occhi chiari, carnagione chiara, spesso con efelidi (lentiggini). Sensibile, si scotta quasi sempre, eritema frequente, si abbronza leggermente e con difficoltà.
3 Capelli castani, carnagione bruno-chiara, occhi chiari o scuri. Reagisce a volte ai colpi di sole, si scotta moderatamente, eritema sporadico, abbronzatura chiara.
4 Capelli bruni, castano-scuri o neri, carnagione da olivastra a scura, occhi scuri. Pelle poco sensibile, si scotta raramente, eritema raro, si abbronza sempre e con rapidità.
5 Capelli neri, carnagione bruno-olivastra, occhi scuri. Non reagisce al sole, non si scotta quasi mai, si abbronza intensamente e con rapidità.
6 Capelli neri, carnagione nera, occhi scuri. Non reagisce al sole, non si scotta mai, sempre intensamente Pigmentato.


Fototipo 1
Fototipo 1

Fototipo 2
Fototipo 2

Fototipo 3
Fototipo 3

Fototipo 4
Fototipo 4
Fototipo 5
Fototipo 5
Fototipo 6
Fototipo 6

Il fotoinvecchiamento. Oltre ai fenomeni sopra descritti (eritema, ustione, abbronzatura) è noto che l’esposizione ai raggi solari è responsabile, nel tempo, di altri due alcuni fenomeni rilevanti a carico della cute: il fotoinvecchiamento e la fotocarcinogenesi, ossia l’insorgenza di tumori della pelle associati all’esposizione ai raggi UV. Questi effetti cronici derivano dall’accumularsi dei danni causati da esposizioni prolungate al sole e/o a fonti artificiali di UV e sono tanto più precoci e marcati quanto più la pelle e chiara o non adeguatamente protetta.
Il fotoinvecchiamento cutaneo si manifesta con la comparsa precoce e marcata dei segni che fisiologicamente compaiono con l’invecchiamento cutaneo in età avanzata. Tali segni compaiono nelle zone più esposte al sole (volto, collo, mani) e si manifestano con l’aumento dello spessore, della secchezza e della rugosità cutanea e una riduzione dell’elasticità, accompagnata dalla comparsa di macchie ed altre lesioni della pelle.

La fotocarcinogenesi. La maggiore causa dell’aumento dell’incidenza dei tumori della pelle registrata negli ultimi trent’anni nelle popolazioni sviluppate si considera correlata, oltre che alla progressiva riduzione della fascia dell’ozono nell’atmosfera che normalmente scherma la gran parte delle radiazioni UVB al suolo, soprattutto alle mutate abitudini di esposizione al sole. Infatti l’aumento delle attività all’aperto e soprattutto l’abitudine ai “bagni di sole” spesso risulta in un’eccessiva esposizione alle radiazioni UV, uno dei più importanti fattori di rischio per l’insorgenza di queste patologie. È opinione corrente e diffusa che l’abbronzatura sia un simbolo di attrazione e di buona salute, e che intensi bagni di sole siano una prassi normale. L’esposizione corretta e non prolungata al sole, utilizzando la dovute protezioni, è di fondamentale importanza per invertire questa tendenza ed arrestare l’aumento di incidenza dei tumori della pelle.
Le neoplasie cutanee possono essere di origine epiteliale, chiamate comunemente NMSC (non-melanoma skin cancer) e le più comuni sono: le cheratosi solari, gli epiteliomi (o carcinomi) spinocellulari (o squamocellulari) e gli epiteliomi (o carcinomi) basocellulari. Oppure possono essere di origine melanocitica, come il melanoma maligno (MM).
Le neoplasie del tipo NMSC raramente sono letali e possono essere rimosse chirurgicamente ma spesso le terapie sono dolorose e sfiguranti. L’instaurarsi di questo tipo di tumori sembra favorito dall’esposizione cumulativa ai raggi UV. Tali neoplasie infatti presentano un’incidenza massima in persone con un’esposizione ai raggi UV cumulativa elevata nel corso della propria vita e tipicamente in coloro che svolgono attività lavorative all’aperto (marinai, agricoltori) e le sedi prevalentemente colpite sono quelle che nel corso della vita hanno subito il massimo di esposizione al sole (volto, cuoio capelluto, dorso delle mani). Si evidenzia inoltre una maggiore incidenza di NMSC nei paesi a minore latitudine (che registrano quindi maggiori livelli di radiazione UV).
Mentre i tumori di origine epiteliale raramente sono letali, il melanoma maligno (MM) contribuisce sostanzialmente alle cause di mortalità nelle popolazioni di pelle chiara sebbene la sua incidenza sia consistentemente inferiore a quella dei NMSC. Il MM costituisce l’1% di tutti i tumori ed è la causa del 65% delle morti per cancro alla cute. La sua incidenza nei paesi sviluppati è triplicata negli ultimi trent’anni. L'esposizione al sole è considerata la principale causa del melanoma cutaneo. Ne sono prova la distribuzione del melanoma a livello mondiale, le sedi anatomiche di insorgenza e la recente dimostrazione, in melanomi, di lesioni del DNA specificamente indotte da radiazioni ultraviolette. Numerosi studi indicano comunque che l’insorgenza del MM è associata sia a fattori genetici e caratteristiche individuali, che allo stile di vita in relazione all’esposizione al sole, e colpisce prevalentemente le popolazioni di pelle chiara. Tra i principali fattori di rischio abbiamo la presenza sulla pelle di numerosi nei atipici, la carnagione molto chiara dei fototipi 1 e 2, esposizioni intense ed intermittenti al sole, soprattutto in coloro che tendono più a scottarsi che ad abbronzarsi, l’accumulo di esposizione ai raggi UV. L’incidenza del MM nelle popolazioni di pelle chiara aumenta generalmente con le basse latitudini. Il rischio di insorgenza di melanoma è maggiore nelle zone del corpo coperte, cioè non abituate al sole, ed il rischio è maggiore per i soggetti che normalmente non si espongono al sole per motivi professionali. In particolare alcuni studi scientifici hanno dimostrato una stretta correlazione tra le ustioni solari subite nei primi anni di vita e l'insorgenza di melanoma maligno.
Pagina precedente Indice Pagina successiva




dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2020 Arpa Sardegna
note legali e privacy | SardegnaArpa | statistiche