Ritorna all'homepage del dipartimento MC
 homepage > pubblicazioni > riepiloghi mensili > gennaio 2000

Riepilogo mensile agrometeorologico di gennaio 2000


Fenologia delle colture
Nell'ambito dell'attività di monitoraggio della Rete Agrofenologica Regionale, nei diversi comprensori agricoli, sono state rilevate le seguenti fasi fenologiche per le diverse colture:

Olivo
Per diverse CV e nelle diverse aree sottoposte a monitoraggio sono continuate le operazioni di raccolta.

Carciofo
Sia per le carciofaie poliennali che per quelle di nuovo impianto, nella prima decade, sono continuate le operazioni di raccolta dei capolini. Come evidenziato nel capitolo relativo alle "Considerazioni climatiche", il mese di gennaio è stato particolarmente freddo, infatti, specie nelle aree carcioficole del nord sono state registrate ripetute gelate che hanno determinato fenomeni di stress sulle piante ma anche un ritardo nella ripresa vegetativa.

Bilancio idro-meteorologico

Nella generalità delle aree monitorate i valori medi giornalieri dell'evapotraspirazione potenziale ricadono nell'intervallo 0.7-1.2 mm, mediamente inferiori a quelli calcolati nel gennaio '98, con valori massimi giornalieri generalmente inferiori ai 3 mm.

Analizzando i dati di precipitazione si evidenzia un marcato deficit rispetto ai valori caratteristici del periodo. In linea generale, le uniche aree che hanno beneficiato di quantità complessive superiori ai 30 mm sono quelle ubicate nel settore nord-orientale (es. stazioni di Arzachena, Luras, San Teodoro e Siniscola). Nelle restanti aree dell'isola le stazioni hanno registrato valori intorno ai 20 mm o anche inferiori: in particolare nel Campidano di Oristano e di Cagliari i valori registrati variano circa tra 10 e 15 mm. Le precipitazioni modeste e le perdite per evapotraspirazione hanno determinato, in alcune aree, condizioni di deficit nel bilancio idro-meteorologico mensile, e pertanto si può ipotizzare un impoverimento delle disponibilità idriche dei suoli in particolare nei territori meridionali e costieri (es. stazioni di Samassi, Dolianova, Masainas e Muravera) Come mostra la tabella allegata, le condizioni sopra descritte si discostano sensibilmente da quelle dello scorso anno, quando la quantità di pioggia complessiva registrata fu generalmente superiore.





dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2018 Arpa Sardegna
note legali e privacy | SardegnaArpa | mappa | statistiche