Ritorna all'homepage del dipartimento MC
 homepage > pubblicazioni > riepiloghi mensili > gennaio 2001

Riepilogo mensile agrometeorologico di gennaio 2001


Fenologia delle colture
Nell'ambito dell'attività di monitoraggio della Rete Agrofenologica Regionale, nei diversi comprensori agricoli, sono state rilevate le seguenti fasi fenologiche per le diverse colture:

Olivo
Per tutte le CV e nelle diverse aree sottoposte a monitoraggio le operazioni di raccolta, nonostante il rallentamento dovuto alle precipitazioni, risultano praticamente concluse.

Carciofo
Nelle diverse zone, sia sulle carciofaie poliennali sia su quelle di nuovo impianto sono continuate le operazioni di raccolta dei capolini di secondo e terzo ordine. Le piogge cadute in particolare nella seconda e terza decade, hanno determinato l'aggravarsi delle condizioni di ristagno idrico con conseguente stress, in particolare nei terreni argillosi (Bassa Valle del Coghinas, Nurra di Sassari ed Alghero), con, in alcuni casi, la definitiva compromissione della produzione.

Cereali autunno-vernini
Le piogge, cadute durante il mese, hanno aggravato le condizioni d'impraticabilità dei terreni, continuando così ad ostacolare le operazioni di semina.

Come evidenziato anche nella sezione meteorologica, contrariamente agli ultimi anni, le temperature si sono attestate su livelli mediamente più alti, con una netta riduzione degli eventi termici critici per le colture, ma allo stesso tempo, considerando anche i due mesi precedenti, si è verificato un minore accumulo di "freddo" per le esigenze dei fruttiferi, con possibili problemi per quelle specie e/o cultivar più esigenti.

Bilancio idro-meteorologico
Come riferito per il mese precedente anche il mese di gennaio si differenzia nettamente rispetto a quanto si è verificato negli anni precedenti, con un regime pluviometrico particolarmente generoso soprattutto al centro nord ed un pò meno nel settore meridionale. Analizzando i dati totali misurati, si è infatti passati da valori oscillanti tra 130 e 190 mm nelle aree del Marghine, Nuorese e Gallura, a valori tra 110 e 130 nella Nurra, a 95-100 Nel Logudoro, Campeda, Goceano, a 80-100 nell'Oristanese, infine a 45 - 80 nel Campidano di Cagliari. Per una visione di dettaglio dei totali piovuti durante il mese si rimanda alla visione della tabella allegata, in cui si possono rimarcare le differenze rispetto allo scorso anno. Analogamente al mese di dicembre, durante il mese si sono evidenziati i problemi sia di natura agronomica riferiti nel bollettino precedente, legati allo stato di saturazione dei terreni, che di carattere più generale, causati degli allagamenti, etc.
I livelli dei bacini alla fine del mese, giunti ai limiti consentiti in buona parte del territorio regionale, riflettono i notevoli apporti pluviometrici del periodo.
L'evapotraspirazione giornaliera di riferimento è variata nel corso del mese tra e 0.7 e 1.2, rimanendo all'interno dei valori stagionali.





dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2018 Arpa Sardegna
note legali e privacy | SardegnaArpa | mappa | statistiche