Ritorna all'homepage del dipartimento MC
 homepage > pubblicazioni > riepiloghi mensili > dicembre 2002

Riepilogo mensile meteorologico di dicembre 2002

Situazione generale
Un'area depressionaria di origine nordatlantica ha raggiunto il Mediterraneo centrale nella giornata di lunedì 2 formando un minimo chiuso a tutti i livelli atmosferici sulla penisola italiana. Sulla Sardegna il cielo si è mantenuto coperto con precipitazioni diffuse e moderate anche a carattere temporalesco. Tale perturbazione, seppur in spostamento verso levante, ha continuato a mantenere perturbato il tempo su gran parte del Mediterraneo anche nei giorni successivi. Da domenica 8 fino a venerdì 13 si sono registrate precipitazioni, generalmente di debole intensità, dovute all'arrivo di una nuova perturbazione sull'Europa occidentale. Da sabato 14 un promontorio di alta pressione, più marcato in quota, si è esteso dal Nord-Africa fino all'Europa nord-occidentale mantenendo condizioni di cielo sereno o poco nuvoloso fino a venerdì 20.
Nella giornata di sabato 21 si è assistito al passaggio di una debole saccatura sul Nord Africa che ha determinato un consistente aumento della copertura nuvolosa. In seguito la rimonta di un debole campo di alta pressione sul Mediterraneo centro-occidentale ha favorito condizioni meteorologiche relativamente stabili fino al 24. Le giornate del 25 e del 26 sono state caratterizzate dal rapido transito, sulla penisola italiana, di un'area depressionaria che ha interessato marginalmente anche la nostra regione. Dopo un temporaneo miglioramento nella giornata del 27 il maltempo è ritornato sull'isola a partire da sabato 28. Precipitazioni diffuse di moderata intensità e forti venti occidentali sono stati i fenomeni che hanno caratterizzato gli ultimi giorni del 2002.


Considerazioni climatiche
Temperature
Temperatura minima Temperatura massimaLe temperature di dicembre si sono mantenute entro la norma di questo mese in entrambi i valori.
I giorni che hanno fatto registrare le temperature più alte sono quelli delle festività natalizie: il 26 lo strumento di Milis ha toccato 20.5 °C, mentre a Chilivani si sono avuti 20.4 °C. Il giorno 30, un massimo di 21.5 °C è stato rilevato a Jerzu, e 20.3 °C ad Orosei. Il massimo mensile spetta alla stazione di Jerzu, che il giorno 18 ha raggiunto i 22.2 °C; nello stesso giorno, 21.5 °C sono stati registrati a Villa S. Pietro, 21.4 °C a Orosei, ed altre 15 stazioni hanno superato la soglia dei 18 °C.
Il periodo più freddo si è avuto nella terza settimana del mese, grazie anche al significativo irraggiamento notturno dovuto al cielo sereno: la stazione di Villanova Strisaili ha rilevato temperature minime di -4.6 °C, -5.6 °C e -5.3 °C rispettivamente nei giorni 17, 20 e 21; il 20 a Giave si sono avuti -5.2 °C, ed a Illorai -3.4 °C, mentre ben undici stazioni hanno denunciato valori inferiori allo zero; il giorno dopo, un altro valore piuttosto basso, pari a -5.0 °C, è stato registrato ancora a Giave, ed il numero di gelate è salito a dodici.

Umidità relativa
Umidità relativaLe carte di umidità minima mostrano che questa grandezza è superiore alla media ovunque, ad eccezione della costa meridionale dell'Isola, con un'anomalia superiore a +10% sulla Sardegna centro-settentrionale, in discreto accordo con la distribuzione spaziale della precipitazione.
Il 30 è stato il giorno più secco del mese: ben quattro stazioni hanno registrato in quell'occasione valori di umidità inferiori al 35%, con un minimo del 31% a Jerzu e 33% a Oliena. Ancora a Jerzu, il giorno 16, si era registrato un minimo del 35%.

Precipitazioni
Precipitazioni PrecipitazioniLa distribuzione spaziale del cumulato di precipitazione mensile mostra un inconsueto massimo lungo la catena del Marghine-Goceano. La media climatica è stata sfiorata solo sul versante nordoccidentale dell'Isola, e raggiunta esclusivamente in alcune stazioni. Si noti che, ancora una volta, il numero di giorni piovosi è invece in linea con la norma.
La settimana che va dal 3 al 10 ha fatto registrare le precipitazioni più cospicue. Il giorno 3 sono piovuti 20.4 mm a Scano di Montiferro, 22.8 mm a Iglesias e 25.0 mm a Modolo; in entrambi i giorni seguenti, i pluviometri hanno registrato valori superiori a 20 mm in sette località della Sardegna, tra cui Chilivani (47.8 mm), Valledoria (40.0 mm), Ozieri (37.8 mm) e Illorai (29.6 mm) il giorno 4, e Macomer (28.0 mm) il 5. Il cumulato massimo giornaliero spetta alla stazione di Bitti, che il 6 ha raccolto ben 53.8 mm, mentre il giorno stesso a Villanova Strisaili si sono avuti 48.0 mm.
Tutte queste precipitazioni sono state molto diffuse, avendo coperto tra il 70% e l'80% del territorio. Ben 51 stazioni sono state invece interessate il giorno 28, quando un massimo di 32.4 mm è stato raccolto a Ghilarza, mentre a Oliena si sono avuti 31.2 mm e altre sedici stazioni hanno superato i 20 mm. Un altro evento cospicuo ha segnato l'ultimo giorno del mese, con un cumulato massimo di 28.6 mm, rilevati a Berchidda.

Vento
Anche in questo mese manca una direzione prevalente di provenienza del vento, che si è invece distribuita in maniera isotropa.
Il vento medio si è mantenuto su intensità decisamente deboli per buona parte del mese, con l'eccezione degli ultimi tre giorni, che sono stati i più ventosi: il 29 il valor medio più elevato (13.7 m/s, 49.3 km/h) è stato registrato dall'anemometro di Bitti, mentre a San Teodoro si sono raggiunti i 12.5 m/s; il giorno 31, sempre a Bitti, il vento medio ha toccato i 15.0 m/s, pari a 54 km/h.
Nonostante i valori poco significativi del vento medio, raffiche di vento Molto Forte o di Tempesta sono state rilevate in svariati giorni del mese. Il 31, come già visto, è stato il giorno più ventoso: i valori di vento massimo hanno superato la soglia dei 24.4 m/s (87.8 km/h, Tempesta) in ben nove stazioni, tra cui Bitti (31.2 m/s, 112.3 km/h), Domus De Maria e San Teodoro (28.8 m/s, 103.7 km/h). Ancora a Bitti, il 29 l'anemometro ha rilevato una raffica di 26.1 m/s. Un'altra giornata ventosa è stata il 2, quando lo strumento di San Teodoro ha registrato un massimo di 27.9 m/s.

Frequenza del vento medio giornaliero
Frequenza del vento massimo giornaliero

Radiazione ed eliofania
Radiazione GlobaleLa radiazione globale cumulata nel corso del mese risulta lievemente deficitaria se confrontata con la norma, valutata nel periodo 1995-2001. Il giorno più soleggiato è stato il primo, con un massimo di 9.3 MJ/m2 rilevati a Domus De Maria, mentre il meno luminoso, il 7, ha fatto registrare a Luras appena 0.3 MJ/m2.
Anche il numero medio di ore di sole giornaliere è inferiore al valore atteso, con un'anomalia pari a -1h. Tuttavia il massimo mensile, rilevato a Macomer, è di appena 38min inferiore al massimo teorico, dettato dall'astronomia, e pari a 9h 10min. Il giorno 12, invece, nessuna delle due stazioni disponibili ha registrato un solo minuto di sole nell'arco del dì.

Eliofania media 3h 0min
Climatologia 4h 0min
Anomalia media -1h
Media delle ore diurne con cielo coperto 6h 10min
Eliofania massima del mese (19.12.2002) 8h 32min



dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2018 Arpa Sardegna
note legali e privacy | SardegnaArpa | mappa | statistiche