Ritorna all'homepage del dipartimento MC
 homepage > pubblicazioni > riepiloghi mensili > maggio 2004

Riepilogo mensile meteorologico di maggio 2004

Situazione generale
La presenza di una perturbazione estesa sull'Europa occidentale ha caratterizzato i primi giorni del mese. Dal 3 al 5, il minimo chiuso associato (localizzato sul Mediterraneo Occidentale), ha determinato precipitazioni diffuse anche di moderata intensità e forti venti occidentali. Negli stessi giorni, un secondo ciclone di origine nord-atlantica si è portato sulla Gran Bretagna. A partire dal 6, la saccatura ad esso associata si è approfondita verso sud formando un'unica struttura col ciclone mediterraneo. Di conseguenza, il tempo si è mantenuto perturbato con precipitazioni diffuse a carattere temporalesco fino alla giornata del 9 quando si è assistito ad un lieve miglioramento.
A partire dall'11 una nuova area depressionaria con minimo chiuso in quota sul Nord-Africa ha interessato la nostra regione con forti temporali nella giornata di mercoledì 12. Un deciso miglioramento delle condizioni meteorologiche si è avuto solo a partire da domenica 16 grazie alla presenza sull'Europa centro-occidentale di un vasto anticiclone. Fino alla giornata del 21, dunque, il cielo si mantenuto poco nuvoloso con deboli e isolate piogge.
Nelle giornate di sabato 22 e domenica 23 il passaggio di un'onda depressionaria sul Mediterraneo occidentale ha determinato nuvolosità consistente associata a precipitazioni a carattere temporalesco principalmente sui rilievi della regione. Nei due giorni successivi si è assistito alla temporanea rimonta del campo anticiclonico sull'Europa occidentale. Tuttavia, flussi di aria umida africana in transito sul Mediterraneo centro-occidentale hanno causato una consistente velatura del cielo.
Da venerdì 28 una perturbazione estesa dalla Scandinavia al Mediterraneo ha dato origine ad un'unica struttura barica che si è estesa su tutta l'Europa centrale mantenendo instabile le condizioni meteo per i restanti giorni del mese.



Considerazioni climatiche
Temperature
Temperatura minima Temperatura massimaLe temperature di maggio 2004, seppur in aumento rispetto a quelle di aprile, sono risultate più basse della media di 2/3°C. Nelle temperature massime questo effetto si è sentito soprattutto nella parte montuosa dell'Isola, mentre per le temperature minime si è rilevata una decrescita da Ovest ad Est.
Nell'arco del mese si è osservato un progressivo aumento delle temperature che, nell'ultima decade, hanno raggiunto i 26/27°C. Le massime sono state registrate il 24 e 25: 27.8°C a Zeddiani, 27.7°C ad Arborea e 26.1°C a Sorso e valori superiori a 20°C su un quinto dell'Isola.
Anche le minime hanno mostrato un progressivo aumento, sebbene in tutto il mese si siano osservati episodi di raffreddamento radiativo notturno che hanno portato anche a valori intorno a 0°C. Il 21, ad esempio, si sono registrati -0.6°C a Villanova Strisaili e -0.1°C a Gavoi.

Umidità relativa
Umidità relativaIl mese è stato anche molto umido, con anomalie mensili di umidità minima nell'ordine di +5/10%, più elevate nelle zone interne rispetto alle coste.
I valori più alti sono stati misurati durante le abbondanti precipitazioni della prima decade. Il 4, 5 e 13 l'umidità è stata al 100% per tutto il giorno in parecchie località dall'Isola, come è il caso, ad esempio, di Ghilarza e Macomer.
Fra le minime assolute si segnalano i valori del 18 e 20: 10% a Gonnosfanadiga, 13% a Monastir, 16% a Dorgali e valori sotto il 40% su quasi un quarto del territorio regionale.

Precipitazioni
Precipitazioni PrecipitazioniLe precipitazioni di maggio sono state frequenti ed abbonanti con valori come quelli che tipicamente si incontrano a marzo o ad aprile. I cumulati sono stati massimi nella parte centrale della Regione, con valori che hanno abbondantemente superato i 100mm su Planargia e Marghine. Su tutta la parte occidentale della Sardegna questi cumulati sono più del doppio di quelli tipici di maggio, mentre sul resto del territorio i valori risultano comunque superiori alla media. Il numero di giorni piovosi, infine, è stato tra i 7 e gli 11, pari al doppio della media stagionale in molte località.
Quasi tutte le piogge si sono concentrate nella prima metà del mese e spesso hanno interessato l'intersa Sardegna. I massimi si sono registrati tra il 3 ed il 6, con punte di 43.2mm a Scano Montiferru, 41.4mm ad Illorai, 39.6mm a Dolianova e 38.0mm a Macomer e valori superiori ai 30mm su una parte consistente dell'Isola.
Negli stessi giorni le piogge sono state anche le più intese, raggiungendo gli 11.4mm/10min a Masainas. Fra gli altri eventi interessanti di quei giorni si segnalano 9.8mm/10min a Zeddiani e 8.6mm/10min ad Iglesias.

Vento
Il vento medio è stato generalmente debole e distribuito su tutte le direzioni della rosa dei venti, con una leggera prevalenza dei venti occidentali. Il vento massimo, invece, è stato spesso moderato-forte con una leggera prevalenza dei venti occidentali anche in questo caso.
Valori più elevati si registrano nella prima metà del mese. I venti medi più significativi sono 13.1m/s a Domus de Maria il 13 e 11.4m/s a Bitti il 5. I venti massimi più intensi, invece, sono stati registrati il 3 (33.3m/s a Masainas) e l'11 (31.6m/s a Meanasardo, 30.7m/s a Masainas e 30.0m/s a Domus de Maria).

Frequenza del vento medio giornaliero
Frequenza del vento massimo giornaliero

Radiazione ed eliofania
Radiazione GlobaleLa radiazione globale del mese è stata compresa tra i 530MJ/m2 e i 580MJ/m2 che risultano inferiori di 60MJ/m2 rispetto alla media del 1995-2003. L'eliofania media, invece, è stata di 7h 25min che corrispondono ad un'anomalia di -56min. Globalmente, dunque, si è trattato di una mese buio e coperto.
La radiazione globale, che è andata in crescendo nell'arco del mese, con valori massimi misurati il 20 (27.7MJ/m2 a Domus de Maria e 27.0MJ/m2 a Villacidro) e valori minimi misurati il misurati 3 (2.6MJ/m2 a Villacidro, 3.0MJ/m2 a Muravera e 3.6MJ/m2 a Siurgus-Donigala); sempre il 3 la radiazione è stata sotto i 10 MJ/m2 su tutta l'Isola. L'eliofania massima è stata di 13h 58min, misurata a Macomer il 18, mentre la minima è stata di 0min, misurata a Zeddiani il 5.

Eliofania media 7h 25min
Climatologia 8h 29min
Anomalia media -56min
Media delle ore diurne con cielo coperto 6h 51min
Eliofania minima del mese (5.5.2004) 0min
Eliofania massima del mese (18.5.2004) 13h 58min



dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2018 Arpa Sardegna
note legali e privacy | SardegnaArpa | mappa | statistiche