Ritorna all'homepage del dipartimento MC
 homepage > pubblicazioni > riepiloghi mensili > aprile 2005

Riepilogo mensile meteorologico di aprile 2005

Situazione generale
Le prime due settimane del mese sono state caratterizzate da condizioni di instabilità atmosferica. Il susseguirsi sul Mediterraneo occidentale di diverse strutture frontali, legate a perturbazioni d’origine atlantica, ha mantenuto il cielo nuvoloso con precipitazioni diffuse anche di moderata intensità e a carattere temporalesco. Dalla giornata del 13 si è assistito all’espansione di un campo di alta pressione che ha indotto flussi di aria calda dal Nord-Africa. Dalla giornata del 15 il piccolo promontorio è andato esaurendosi. Una perturbazione atlantica, con minimo in quota sulla Francia, si è rapidamente portata sull’Europa occidentale favorendo l'afflusso di aria fredda dalle regioni artiche. Il minimo barico si è spostato nella giornata di sabato 16 sull’Italia, ove ha stazionato per tutto il giorno seguente. Sulla Sardegna il cielo è stato molto nuvoloso con precipitazioni diffuse a carattere di rovescio. La saccatura associata alla depressione nord-atlantica ha interessato la Sardegna fino a mercoledì 20. Dalla giornata di giovedì si è assistito allo spostamento della perturbazione verso Est e all’espansione di un campo anticiclonico, già presente sulla Penisola Iberica. Tra sabato 23 e domenica 24 l’azione combinata dell’alta pressione con un sistema ciclonico sull’Atlantico ha favorito l’afflusso di aria calda e umida dal Nord-Africa con conseguente sensibile aumento delle temperature e della nuvolosità alta, sospinta da venti moderati di scirocco. Dalla giornata del 25 un vasto campo di alta pressione si è instaurato sull’Europa centro-occidentale. Fino alla fine del periodo in esame il cielo è stato sereno o poco nuvoloso con venti deboli a regime di brezza e un progressivo aumento delle temperature. Da evidenziare la formazione di nebbie durante le ore più fredde.

Considerazioni climatiche
Temperature
Temperatura minima Temperatura massima Il mese di aprile ha visto temperature lievemente sotto la media climatica, soprattutto nei valori minimi. Questi hanno fatto registrare un'anomalia fino a -3 °C, con un lieve gradiente Nord-Sud. La giornata più fredda è stata il 6, quando tre stazioni hanno rilevato temperature inferiori allo zero: Gavoi (-2.5 °C), Giave (-1.8 °C), e Villanova Strisaili (-1.7 °C). Il giorno dopo, ancora a Gavoi, la minima è stata di -0.9 °C.
Il periodo più caldo è coinciso con gli ultimi giorni del mese: il 28 le stazioni di Ottana e Zeddiani hanno registrato rispettivamente 28.4 °C e 28.3 °C, il giorno seguente ancora ad Ottana la colonnina di mercurio ha toccato i 28.9 °C, ed il 30 aprile tredici stazioni hanno rilevato temperature massime superiori a 26 °C, con punte di 29.7 °C ad Ottana, 29.3 °C a Chilivani, e 27.9 °C ad Orani.

Umidità relativa
Umidità relativa L'alta piovosità del mese ha contribuito a determinare valori di umidità in genere superiori alla media climatica, con un'anomalia dei valori minimi che ha superato il +5%. Le giornate più secche sono state quelle più calde: il 29 si è avuto appena un 9% a Gonnosfanadiga, e 13% a Monastir, mentre il giorno dopo sono stati rilevati 8% ancora a Gonnosfanadiga e 14% a Dorgali Filitta.

Precipitazioni
Precipitazioni Precipitazioni Ovunque sull'Isola le piogge sono state abbondanti, ed i cumulati superiori ai valori attesi per questo mese. In media è piovuto il 40% in più, mentre alcune stazioni del Sud (Villanova Strisaili e Villa S. Pietro) hanno raccolto oltre 160 mm, pari al triplo della propria climatologia.
Le piogge hanno interessato i primi due terzi del mese, risultando più cospicue nelle zone di montagna. In termini di numero di giorni piovosi, sul Gennargentu è piovuto per quasi metà del mese.
Una prima ondata di maltempo si è avuta tra il 3 ed il 5, ed ha interessato pressochè tutta la Sardegna. I cumulati più elevati si sono avuti il giorno 4: 82.2 mm a Villa S. Pietro, 57.4 mm a Sardara, 54.2 mm a Muravera, 53.4 mm a Gonnosfanadiga, ed oltre 20 mm in altre 17 stazioni. Il giorno dopo, 72.4 mm sono stati raccolti a Domus De Maria e 47.4 mm a Villa S. Pietro, mentre il giorno 3 il cumulato più elevato è stato di 51.6 mm, ancora a Domus De Maria. La precipitazione più intensa è stata però registrata il giorno 1, con un tasso di precipitazione di 7.4 mm/10min ad Atzara.
Il giorno 17, circa metà di pluviometri dell'Isola ha registrato cumulati oltre i 20 mm: tra questi, si segnalano 58.0 mm a Gavoi, 51.0 mm a Chiaramonti, 48.2 mm a Giave e 45.4 mm a Illorai.

Vento
Il mese ha avuto un vento medio giornaliero quasi sempre debole, con direzioni prevalenti da Est ed Ovest. Il vento massimo è stato in media moderato-forte, e caratterizzato da una maggiore omogeneità nella direzione di provenienza.
I giorni con vento medio superiore ai 10.8 m/s (soglia del vento “forte”) sono stati il 2 (11.6 m/s a Domus De Maria), il 17, con 11.5 m/s a Stintino, 12.4 m/s a Putifigari e 13.0 m/s a Bitti, ed il 21 (11.5 m/s ancora a Bitti).
Il vento massimo ha raggiunto i 29.0 m/s il giorno 5 ad Aritzo, mentre il 17 si sono avute punte di 29.0 m/s a Sadali, 30.6 m/s (110 km/h) a Bitti, e valori di “tempesta” si sono avuti in altre sette stazioni.

Frequenza del vento medio giornaliero
Frequenza del vento massimo giornaliero

Radiazione ed eliofania
Radiazione Globale I valori di insolazione e radiazione globale si sono mantenuti entro la norma.
L'insolazione media del mese, pari a 6h 52min, si scosta di soli 13min dal valore climatologico. Tre le giornate in cui il sole è stato sempre coperto, mentre il giorno più soleggiato è stato il 26, quando l'eliofanografo di Chilivani ha registrato ben 13h 01min di insolazione, valore di poco inferiore al massimo teorico ammesso dalla configurazione astronomica di aprile.
L'energia solare ricevuta al suolo si è attestata attorno ai 460-470 MJ/m2, valore quasi in linea con la media climatica. Il cumulato minimo, pari a solo 1.0 MJ/m2, è stato rilevato il giorno 3 a Domus De Maria, mentre il giorno dopo valori inferiori a 2 MJ/m2 si sono avuti in tredici stazioni, ed il minimo, di 1.1 MJ/m2, si è avuto a Muravera. In coincidenza con il bel tempo che ha caratterizzato gli ultimi giorni del mese, la radiazione globale ha fatto registrare un massimo di 27.9 MJ/m2 il giorno 28 a Chilivani.

Eliofania media 6h 52min
Climatologia 7h 05min
Anomalia media -13min
Media delle ore diurne con cielo coperto 6h 20min
Eliofania minima del mese (4,5,17.04.2005) 0min
Eliofania massima del mese (26.04.2005) 13h 01min



dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2018 Arpa Sardegna
note legali e privacy | SardegnaArpa | mappa | statistiche