Ritorna all'homepage del dipartimento MC
 homepage > pubblicazioni > riepiloghi mensili > luglio 2006

Riepilogo mensile meteorologico di luglio 2006

Situazione generale
I primi cinque giorni del mese in esame sono stati caratterizzati da condizioni di generale stabilità atmosferica per la presenza in un vasto anticiclone su tutto il Mediterraneo centro-occidentale: tale struttura ha garantito cielo sereno o poco nuvoloso e venti a regime di brezza su tutta la nostra regione. La presenza di una perturbazione sull’Atlantico e sulla Penisola Iberica, inoltre, ha favorito un afflusso di aria calda che ha mantenuto alte le temperature. Nei giorni successivi, invece, la perturbazione atlantica si è spostata verso Est e ha interagito colle Alpi innescando una ciclogenesi secondaria che ha determinato un aumento della nuvolosità associata a locali temporali, venti di maestrale e una generale diminuzione delle temperature.
Il giorno 9 la situazione atmosferica è ritornata stabile grazie alla rimonta del campo di alta pressione sul Mediterraneo centro-occidentale, riportando cielo sereno su tutta l’isola. Tra il 10 e il 18, però, all’alta pressione si è affiancata una vasta area depressionaria si è estesa dal Mar Nero fino al Mediterraneo centro-orientale. L’azione combinata delle due strutture ha determinato il passaggio di flussi di aria fredda e umida di origine siberiana che hanno favorito l’innesco della convezione. Sulla Sardegna, infatti, il cielo è stato poco nuvoloso, tranne che durante le ore più calde della giornata, quando si sono avuti addensamenti consistenti nelle zone interne e sui rilievi con isolati temporali.
Nei giorni seguenti, si è assistito all’allontanamento della perturbazione verso Est e alla conseguente espansione dell’anticiclone su gran parte dell’Europa e Mediterraneo centrali, con condizioni di bel tempo e venti a regime di brezza su tutta la Sardegna.
Nell’ultima settimana del mese in esame, però, l’Europa nord-occidentale è stata investita da una perturbazione che dalle isole britanniche si è estesa sino al Marocco. Tale circolazione ha favorito avvezione di aria calda e umida di origine africana sull’area del Mediterraneo (e stazioni SAR hanno riportato valori sopra i 40 gradi), cielo velato per la presenza di nubi medio-alte e la formazione di celle temporalesche nelle zone interne e sui rilievi.


Considerazioni climatiche
Temperature
Temperatura minima Temperatura massima Le temperature di luglio sono state eccezionalmente elevate. Le medie delle massime, in particolare, vanno dai circa 30°C della Nurra ai circa 35°C del Sud-Est; questi valori corrispondono ad anomalie intorno ai +3°C. In anni recenti, una situazione analoga si verificò nel giugno-luglio 2003, sebbene in quella occasione le anomalie di temperature raggiunsero i +6°C.
Sebbene le medie siano state elevate, non ci sono state singole giornate con valori eccezionali; raramente, ad esempio, sono stati superati i 40°C. Tra i casi più interessanti, si segnala il 28, quando le massime hanno superato la soglia dei 30°C praticamente su tutta l’Isola e raggiunto 41.1°C ad Ottana e 40.0°C a Dorgali. La notte più fredda, invece, è quella del 19, quando le temperature minime sono scese a 4.0°C a Villanova Strisaili e 5.5°C a Gavoi.


Umidità relativa
Umidità relativa Le umidità minime del mese mostrano valori intorno a 25% su buona parte del territorio regionale. In generale, dunque, si ha a che fare con valori inferiori alla media climatologica.
Fra i giorni umidi si segnalano il 6 e 7: le massime di quei giorni hanno superato 95% su quasi tutta l’Isola, mentre le minime non sono andate al di sotto di 74% ad Orosei e 60% a Siniscola. Il 21 e 22, invece, sono stati i giorni più secchi: 41% di umidità massima a Bitti e Aritzo e valori inferiori a 50% su una parte consistente dell’Isola; 9% di umidità minima a Chilivani, 10% a Samassi e valori sotto 30% su quasi tutta la Sardegna.


Precipitazioni
Precipitazioni Precipitazioni Luglio è stato caratterizzato da un numero elevato di giorni piovosi. Si è trattato, però, di giornate con precipitazioni generalmente ben localizzate, anche se spesso piuttosto intense. Il risultato è una mappa di precipitazione molto irregolare: circa due terzi del territorio regionale hanno avuto un numero elevato di giorni di pioggia (sino a 7gg/mese) e cumulati consistenti (sino a 70mm/mese); il restante terzo dell’Isola, invece, è quasi privo di precipitazioni.
Gli eventi si sono distribuiti su buona parte del mese, tra gli eventi più interessanti si citano quelli del 13 e quelli del 27. Il 13, si sono avute precipitazioni intense sul Gennargentu, con punte di 27.8mm/24h nel territorio di Orgosolo. Il 27, invece, si sono avuti il massimo cumulato giornaliero, 31.2mm/24h a Villanova Strisaili, e la massima intensità, 13.4mm/10min sul Supramonte di Orgosolo.


Vento
Il mese di luglio è stato caratterizzato da pochissimo vento. Il vento medio giornaliero è stato quasi ovunque debole o nullo, senza la solita prevalenza di venti occidentali. Le alte temperature, tuttavia, hanno favorito l’insorgere di brezze di intensità moderata in tutte le giornate prive di venti dovuti alla situazione sinottica; di conseguenza la massima raffica giornaliera è sempre stata moderata o forte, ma con una direzione prevalente diversa per ogni località.
Fra le rare giornate ventose si segnalano il 7 e 8, quando il vento medio vettoriale di Bitti ha raggiunto gli 8.2m/s ed il vento massimo di Gonnosfanadiga ha raggiunto i 17.2m/s. Numerose le giornate con vento medio prossimo a 0m/s. È interessante segnalare che proprio in una di queste, il 25, si è avuta la massima raffica assoluta (19.9m/s a Samassi): la presenza dell’anticiclone e la marcata differenza di temperature tra la terra e il mare, infatti, ha favorito l’insorgere di brezze particolarmente intense.

Frequenza del vento medio giornaliero
Frequenza del vento massimo giornaliero

Radiazione ed eliofania
Radiazione Globale Mentre l’eliofania del mese risulta molto al di sopra della media stagionale (12h 07min contro una media di 10h 47min), la radiazione risulta in media coi valori del decennio passato (circa 650-700 MJ/m2). Occorre, tuttavia, segnalare che entrambe le reti sono carenti, per cui si tratta di valori indicativi.
La giornata più soleggiata è stata l’1 (14h 01min a Zeddiani), mentre la meno soleggiata è stata il 6 (7h 53min a Zeddiani). La giornata più luminosa è stata il 19 (30.6 MJ/m2 a Meana Sardo), mentre la più buia è stata il 24 (13.2 MJ/m2 a Villanova Strisaili e 13.8 MJ/m2 a Bitti).


Eliofania media 12h 07min
Climatologia 10h 47min
Anomalia media 1h 20min
Media delle ore diurne con cielo coperto 2h 24min
Eliofania minima del mese (6.7.2006) 7h 53min
Eliofania massima del mese (1.7.2006) 14h 01min



dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2018 Arpa Sardegna
note legali e privacy | SardegnaArpa | mappa | statistiche