Ritorna all'homepage del dipartimento MC
 homepage > pubblicazioni > riepiloghi mensili > ottobre 2008

Riepilogo mensile meteorologico di ottobre 2008

Situazione generale
I primi giorni del mese un vasta area ciclonica con centro sul Mare del Nord si estendeva alle regioni mediterranee, dando luogo ad un profondo minimo secondario sul Golfo di Genova. Sulla Sardegna il giorno 3 essa determinava piogge che sul settore settentrionale raggiungevano cumulati relativamente elevati. La perturbazione si spostava due giorni dopo sull'Europa orientale lasciando spazio all'alta pressione. Nella seconda settimana del mese l'Italia era sulla linea di confine tra un minimo chiuso centrato sul Marocco e un'area di alta pressione con massimo sull'Europa centrale. Il giorno 9 questa configurazione barica determinava piogge intense sulla costa nord orientale della Sardegna, ma nei giorni seguenti prevalevano le condizioni associate all'alta pressione. Con un'interruzione il giorno 17 per il veloce passaggio verso Est del minimo sul Marocco, pero subito riformatosi, questa configurazione barica persisteva sino al 22. In tale giorno un'onda di vorticità e aria fredda in quota dal Nord Atlantico raggiungeva il Mediterraneo, contemporaneamente si formava un minimo al suolo sul Mare di Sardegna. I flussi umidi da Sud-Est, associati al minimo al suolo, abbassavano notevolmente la quota di condensazione e quindi la base della nube, oltre a fornire una notevole quantità di acqua precipitabile. In combinazione con l'aria fredda in quota essi determinavano forte instabilità atmosferica. Ciò provocava piogge di intensità estrema sul settore sud-orientale e meridionale dell'Isola. Nell'ultima settimana del mese una saccatura a 500hPa si approfondiva verso la penisola iberica ed il Marocco, mentre aria fredda di origine polare veniva convogliata sulle Isole britanniche, sulla Francia e sulla penisola Iberica per la presenza di un'area di alta pressione estesa in latitudine sull'Atlantico. La struttura evolveva nei giorni successivi in una vasta area ciclonica che interessava gran parte dell'Europa. Essa portava abbondanti piogge anche sulla Sardegna, talvolta a carattere temporalesco e accompagnata da venti forti.

Considerazioni climatiche
Temperature
Temperatura minima Temperatura massima Le temperature massime di ottobre erano comprese tra i 14°C del Gennargentu ed i circa 25°C del Campidano e della piana di Ottana. Le anomalie, calcolate rispetto al decennio 1995-2006, sono state lievemente positive ma molto prossime a zero. Le temperature minime erano comprese tra i 4°C del Gennargentu ed i 16°C della costa meridionale dell'Isola. Questi valori sono in linea con la media del decennio 1995-2006. Le giornate più calde sono state nella seconda e terza settimana, in corrispondenza dell'alta pressione o dell'avvezione calda provocata dal minimo sul Marocco. In particolare il giorno 12 i valori più alti sono stati: Ottana 31.7°C, Palmas Arborea 30.8°C, Dorgali Lanaitto 29.9°C, con metà delle stazioni sopra i 25°C; il giorno 14: Ottana 32.5°C, Sardara 30.8°C, Orani 29.1°C, ancora metà delle stazioni con valori sopra i 25°C. Le temperature minime più basse sono state in occasione dell'alta pressione a causa dell'irraggiamento notturno del suolo. In particolare il giorno 12: Villanova Strisailis -0.3°C, Gavoi 1.4 °C, Illorai 3.6°C, inoltre 40% delle stazioni sotto i 10°C; il giorno 1: Villanova Strisailis -0.1°C, Gavoi 0.9 °C, Illorai 3°C, 50% delle stazioni sotto i 10°C. Le temperature massime più basse sono state il giorno 30: Orgosolo Montes 8.3°C, Aritzo 9.3°C, Orgosolo Olai 10°C, e tutte le stazioni sotto i 20°C.

Umidità relativa
Umidità relativa minima Umidità relativa massima La mediana dell'umidità massima e stata tra 95% e 100% su quasi tutta l'Isola, valori di poco inferiori sono stati sulla Nurra e sul Sulcis. Si tratta di dati molto prossimi a quelli climatologici. La mediana dell'umidità minima su gran parte della Sardegna è stata compresa tra 45% e 50% in linea con la climatologia. Valori intorno al 35% sono stati registrati tra la piana di Ottana e Oristano ed intorno ad Arzachena; mentre valori intorno al 55% sono stati registrati nell'area di Siniscola e Orosei e nel Sulcis.

Precipitazioni
Precipitazioni Precipitazioni Per descrivere le precipitazioni di questo mese un discorso separato va fatto per le zone colpite dall'evento estremo del giorno 22, quando alcune supercelle hanno interessato il comune di Capoterra e le zone limitrofe ed i comuni di Jerzu e di Cardedu. Nell'area di Capoterra i cumulati mensili hanno raggiunto i 393 mm, corrispodenti a oltre 5 volte la media climatologica (stazione di Poggio dei Pini). 372 mm sono stati registrati in cinque ore nella mattina del 22. Se si passa ai dati orari il valore più alto è stato registrato ancora dalla stazione di Poggio dei Pini, 148mm/h. Nella stazione di Jerzu sono stati raggiunti i 294 mm mensili, corrispondenti a circa 2,5 volte la media climatologica, 245 mm solo la mattina del giorno 22. Le serie storiche conservate nella banca-dati SAR per il periodo 1932-2008 registra, per la zona a Est di Cagliari, due eventi di tale portata. Il primo risale al 23 novembre 1961, con valori di 400mm/24h registrati a Uta. Il secondo risale al 12-13 novembre 1999 con valori di 374.6mm/48h registrati a Decimomannu e valori di poco inferiori nelle stazioni circostanti. Nell’Ogliastra episodi di portata simile o anche superiore sono stati più ricorrenti, tra questi anche quello del 12-13 novembre 1999. La precipitazione nel resto dell'Isola ha registrato valori compresi tra 50mm/mese del medio Campidano, corrispondenti a circa il 60% della media climatologica, gli 80mm/mese del Sassarese prossimi al valore climatologico, sino ai circa 140 mm/mese delle Baronie, circa 1.5 volte la media climatologica. Se si passa a considerare il numero di giorni piovosi essi risultano compresi tra i 6 e i 9, in linea o di poco superiori al valore climatologico di questo mese. Altre giornate con cumulati giornalieri relativamente alti sono state il 3, con 69.6 mm/24h a Sassari e piogge estese su tutta l'Isola; il 9 con 74.4 mm/24h a Siniscola con isolati revosci solo su poche stazioni; il 31 con 51mm/24h a Orosei e piogge diffuse su tutta la Sardegna.

Vento
Il mese è stato poco ventoso. L'intensità più frequente del vento medio giornaliero su quasi tutte le stazioni è stata la calma, seguita dal debole. Non ci sono state direzioni prevalenti salvo nelle stazioni del Sulcis-Iglesiente dove si notava una leggera dominanza dei quadranti orientali. L'intensità più frequente del vento massimo giornaliero è stata il moderato, seguita dal forte. Anche in questo caso non ci sono state direzioni prevalenti, salvo ancora nelle stazioni del Sulcis-Iglesiente. I giorni in cui il vento medio ha superato la soglia di 10 m/s sono stati solo due: il 4 quando a Bitti sono stati registrati 12m/s ed a Stintino 10.1m/s ed il 30 quando ancora a Stintino sono stati registrati 10.6m/s. Il giorno 4 la raffica a Bitti ha raggiunto i 27.8m/s (da Ovest) e quasi la totalità delle stazioni riportava raffiche superiori ai 17m/s (Burrasca). Il giorno 30 a Stintino la raffica arrivava a 27m/s (da Ovest) e circa metà delle stazioni registrava valori superiori a 17m/s. I giorni in cui la raffica ha superato la soglia di Burrasca sono stati 9.

Frequenza del vento medio giornaliero
Frequenza del vento massimo giornaliero

Radiazione ed eliofania
Radiazione Globale L'integrale mensile della densità di flusso radiativo è compresa tra i 290 MJ/m2 della Gallura, inferire di circa il 5% al valore climatologico, e i 360 MJ/m2 dell'Ogliastra, superiore alla climatologia di circa il 10%. L'integrale giornaliero della densità di flusso radiativo andava fortemente decrescendo nel corso del mese con la diminuzione delle ore di luce solare. Fra i giorni più luminosi ci sono il primo del mese, con integrali giornalieri compresi tra i 12.58 MJ/m2 di Berchidda ed i 19.11 MJ/m2 di Orgosolo Olai. La giornata meno luminosa è stata il 22, quando gli integrali giornalieri erano compresi tra 0.79 MJ/m2 di Siniscola e 6.88 MJ/m2 di Domus de Maria. L'eliofania media del mese e stata di 6h10min, 12 minuti meno della climatologia. Il valore più alto è stato registrato il giorno 1 a Zeddiani con 10h30min, quello più basso il giorno 31 ancora a Zeddiani 0h0min.


Eliofania media 6h 10min
Climatologia 6h 22min
Anomalia media -12min
Media delle ore diurne con cielo coperto 4h 55min
Eliofania minima del mese 0min
Eliofania massima del mese 10h 30min



dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2018 Arpa Sardegna
note legali e privacy | SardegnaArpa | mappa | statistiche