Ritorna all'homepage del dipartimento MC
 homepage > pubblicazioni > riepiloghi mensili > agosto 2011

Riepilogo mensile meteorologico di agosto 2011

Situazione generale
Durante la prima settimana del mese di agosto, le condizioni meteo sul Mediterraneo occidentale erano determinate dall'alternarsi dell'anticiclone in quota del nord Africa, accompagnato da avvezione calda, e la vicinanza dell'anticiclone dell'Atlantico. Questa situazione si interrompeva il giorno 8, quando un ampio ciclone, con centro sul nord Europa, dava luogo ad un minimo barico secondario sul nord Italia. Seguivano alcuni giorni di Maestrale prima e flussi settentrionali poi, con una sensibile diminuzione delle temperature sull'area mediterranea. Il giorno 17, invece, iniziava un periodo dominato dall'anticiclone in quota nord africano, mentre l'anticiclone dell'Atlantico era lontano dalle coste europee, e spesso sulla penisola iberica era presente una saccatura a 500hPa. Ciò era accompagnato da avvezione calda e umida e tempo afoso. Questa terza fase terminava il giorno 27, quando un ampio clclone, centrato ancora sul nord Europa, determinava un minimo barico secondario sul nord Italia. Seguivano venti di Maestrale, conseguente arrivo di aria più secca e sensibile calo delle temperature. Il giorno 30, un passaggio di aria umida di origine atlantica, accompagnata da un'onda di vorticità a 500hPa, dava luogo su basso e medio Campidano e Barbagia di Seulo a deboli isolate piogge.

Considerazioni climatiche
Temperature
Temperatura minima Temperatura massima La media mensile delle temperature massime di agosto 2011 spaziava dai 26°C circa della sommità del Gennargentu, ai 34°C del medio Campidano, della piana di Ottana e della valle del Coghinas. La mappa delle anomalie mostra valori di circa 1°C sopra la media climatologica su quasi tutta la Sardegna. La media mensile delle temperature minime spaziava dai 10°C della sommità del Gennargentu, ai 20°C delle zone costiere del Sulcis e Iglesiente. Questi valori sono di circa 1°C sotto la media climatologica.
Le giornate più calde sono state registrate durante il periodo dominato dall'anticiclone in quota nord africano, in particolare tra il 19 ed il 26. Durante questi giorni almeno una stazione riportava valori prossimi o superiori a 42°C. Il giorno 25 i valori più alti erano: Ottana 42.8°C, Dorgali Lanaitto 39.4 °C, Usini Mobile 39.3°C, mentre il 65% circa delle stazioni registrava valori sopra 35°C. Le giornate meno calde sono state durante i due periodi di Maestrale e venti settentrionali: tra il 9 ed il 13 e tra il 28 ed il 30. Il giorno 11 le temperature minime spaziavano dai 3.1°C di Villanova Strisaili ai 18.8°C di Villa San Pietro, con il 20% delle minime sotto 10°C. Il giorno 29 erano comprese tra i 3.7°C di Villanova Strisaili ed i 18.9 di Muravera.

Umidità relativa
Umidità relativa minima Umidità relativa massima La mediana dell'umidità minima spaziava tra il 20% ed il 35% su quasi tutta l'isola, salvo il Campidano dove scendeva al 15%, la costa nord-occidentale e le Baronie dove arrivava al 45%. Il confronto con la climatologia indica che si tratta di valori prossimi ad essa, con anomalie contenute tra -5% e +5%. La mediana dell'umidità massima su quasi tutta la Sardegna spaziava tra l'80% ed il 95%; faceva eccezione il Sulcis dove scendeva al 70%. Anche questi valori risultano in linea con i valori climatologici, salvo la Barbagia dove l'anomalia scendeva a -10% e le coste ogliastrine dove raggiungeva +10%.

Precipitazioni
Precipitazioni Precipitazioni Le piogge in questo mese sono state quasi assenti. Sono state registrate il giorno 30, di debole intensità, sul 20% delle stazioni tra il basso e medio Campidano e la Barbagia di Seulo. Il cumulato giornaliero più alto è stato a Dolianova, 9.4mm. Il giorno 15 un isolato rovescio è stato registrato a Villasalto e dava luogo ad un cumulato di 3.6mm.

Vento
L'intensità più frequente (su circa il 70% delle stazioni) del vento medio giornaliero è stata la calma, seguita dal debole. Non emergeva una direzione dominante. Riguardo al vento massimo giornaliero, l'intensità più frequente è stata il moderato (su circa il 70% delle stazioni), seguita dal forte. In questo caso la direzione prevalente variava da una stazione all'altra. Le giornate nelle quali il vento medio giornaliero ha superato la soglia di moderato (5.5 m/s), su almeno una stazione, sono state 11. Le giornate nelle quali il vento medio giornaliero ha superato la soglia di 10 m/s, su almeno una stazione, sono state 2: il 9 ed il 27, entrambe con il Maestrale. Il giorno 9 i valori più alti sono stati: Villasalto 10.5m/s, Samassi 8.6m/s, Iglesias 7.8m/s, inoltre oltre la metà delle stazioni registrava valori giornalieri sopra 5m/s. Il giorno 27 il valore più alto è stato registrato a Bitti, 10.6m/s, seguivano Aglientu 8m/s e Villasalto 7.9m/s, ed ancora oltre metà delle stazioni riportava valori superiori a 5m/s. Le raffiche più alte sono state registrate ancora i giorni 9 e 27. Il 9 esse erano comprese tra i 10.1m/s di Atzara ed i 20.6m/s di Villasalto, da Nord-Ovest. Il giorno 27 tra gli 11.0m/s di Atzara (da Nord-Ovest) ed i 20.3m/s di Siniscola (da Ovest).

Frequenza del vento medio giornaliero
Frequenza del vento massimo giornaliero

Radiazione ed eliofania
Radiazione Globale L'integrale mensile della densità di flusso radiativo spaziava tra i 600 MJ/m2 della Gallura e del basso Campidano ed i 740 MJ/m2 del Supramonte. Il confronto con la climatologia indica valori in linea con essa su gran parte dell'isola, salvo sulla Sardegna centrale dove la superava di circa il 15%, e sul basso Campidano, dove era al di sotto del 3% circa. Le giornate con i valori giornalieri più alti sono state nella prima metà del mese, grazie anche al fatto che le ore di luce erano di più per motivi astronomici; il giorno 12 i cumulati giornalieri erano compresi tra i 20.6 MJ/m2 di Uta ed i 28.9 MJ/m2 di Gonnosfanadiga. La giornata con i valori giornalieri più bassi è stata il 30, quando spaziavano dai 9.5 MJ/m2 di Palmas Arborea ed i 19.3 MJ/m2 di Putifigari. Un'altra giornata con valori giornalieri bassi è stata il 3, quando erano compresi tra i 13.4 MJ/m2 di Chilivani ed i 19.5 MJ/m2 di Gonnosfanadiga. L'eliofania media di agosto 2011 è stata di 11h04min, 58 minuti in più della media climatologica. Il valore più basso è stato registrato il giorno 30, 3h26min a Zeddiani. Anche il giorno 3 le ore di luce diretta sono state poche. Il valore più alto è stato registrato il giorno 12, 13h17min a Chilivani.


Eliofania media 11h 04min
Climatologia 10h 06min
Anomalia media +58min
Media delle ore diurne con cielo coperto 2h 34min
Eliofania massima del mese 13h 17min
Eliofania minima del mese 3h 17min



dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2018 Arpa Sardegna
note legali e privacy | SardegnaArpa | mappa | statistiche