Ritorna all'homepage del dipartimento IMC
 homepage > pubblicazioni > riepiloghi mensili > gennaio 2012

Riepilogo mensile meteorologico di gennaio 2012

Situazione generale
Il primo giorno del 2012 sul Mediterraneo era presente l’alta pressione associata ad una saccatura sulle regioni atlantiche che favoriva l’afflusso di aria calda sulla parte occidentale del Nostro Mare.
Per il resto della decade, invece, il tempo sul Mediterraneo è stato caratterizzato da tre episodi di ciclogenesi alpina provocati dall’interazione colle Alpi di una perturbazione atlantica. L’episodio del 5 e 6 è stato molto rapido, ma anche eccezionalmente intenso, con un fortissimo gradiente barico associato al minimo al suolo.
Dal 10 al 19 del mese, invece, il tempo è stato dominato dall’Anticiclone delle Azzorre, intervallato solo da un debole episodio di ciclogenesi secondaria.
Il regime anticiclonico si è interrotto il giorno 20, quando una nuova ciclogenesi alpina ha interessato le regioni mediterranee. La perturbazione ha interessato le nostre regioni sino al 24, quando si è assistito ad un breve ritorno dell’alta pressione.
Dal 29 al 31, infine, una perturbazione atlantica ha investito direttamente la parte occidentale del bacino del Mediterraneo.

Considerazioni climatiche
Temperature
Temperatura minima Temperatura massima La media delle temperature minime di gennaio 2012 va dagli 0°C delle zone di montagna agli 8°C delle zone costiere. La media delle massime, invece, è compresa tra i circa 6°C del Gennargentu e gli oltre 14°C del Campidano e delle zone costiere dell’Isola. In ambo i valori si tratta di anomalie di +1°C rispetto alla media del 1995-2006.
La giornata più calda è stata il 2, quando le temperature massime hanno superato i 10°C su tutta l’Isola, con punte sino a 21.3°C a Dorgali e 20.7°C a Barisardo. Le temperature minime meno basse sono state registrate il 20/1 a Siniscola (13.6°C) e a Dorgali (13.2°C).
In molte nottate le temperature sono scese sotto gli 0°C anche in maniera significativa. Quasi sempre si è trattato di gelate di tipo radiativo, limitate ai fondovalle o a zone particolarmente esposte. Tra le poche notti in cui le basse temperature hanno interessato la Sardegna in maniera più estesa, si segnalano quella del 10 e quella del 18, quando si sono raggiunti i -7.4°C a Villanova Strisaili e i -6.8°C a Gavoi, con valori inferiori a 0°C su circa metà del territorio regionale.

Umidità relativa
Umidità relativa minima Umidità relativa massima La mediana dell’umidità massima ha superato il 90% in gran parte del territorio regionale. L’umidità minima, invece, va da circa 40% nel Campidano sino oltre 65% nel Nord dell’Isola e in alcune zone interne.
Tra le giornate più secche si segnala il 6, presumibilmente per effetto dei due giorni di forte vento. In quell’occasione, le umidità minime sono scese quasi ovunque sotto 50% (con punte di 17-18% in parecchie località) e le massime non hanno superato 57% a Siniscola, 58% a Palmas Arborea e 60% in numerose altre località.
In alcune giornate caratterizzate da piogge diffuse, come ad esempio il 30, l’umidità ha superato 90% quasi ovunque.

Precipitazioni
Precipitazioni Precipitazioni Le piogge di gennaio 2012 sono state modeste e hanno interessato prevalentemente la costa orientale. I cumulati del mese vanno dai 20-30mm/mese della parte centrale e sud-orientale della Sardegna, agli otre 50mm/mese di Ogliastra e Baronia.
Nella metà occidentale dell’Isola si tratta di valori pari a meno della metà della media climatologica. Sulla parte orientale, invece, i cumulati hanno superato il 60% della media, arrivando al 100% in due sole stazioni meteorologiche.
Le piogge si sono distribuite su un numero di giorni compresi tra 4 e 7. Anche in questo caso si tratta di valori inferiori alla media del mese.
Tra le rare giornate piovose, si segnalano il 16 e gli ultimi quattro giorno del mese (28-31), con piogge sino a 30.6mm a Muravera e 27.2mm a Giave. La massima intensità di precipitazione è stata misurata ad Arzachena il giorno 30: 5.6mm alle 6:30.
Neve La neve è stata quasi completamente assente, ad eccezione di circa tre giorni sulle cime del Gennargentu.





Vento
I venti medi giornalieri del mese sono stati in prevalenza deboli-moderati, mentre le massime raffiche sono state soprattutto moderate-forti. La direzione predominante è stata Ovest/Nord-Ovest, sia nei venti medi sia nelle massime raffiche. Si è trattato di una situazione in linea col vento tipico della Sardegna, ad eccezione dell’evento eccezionale del 5-6 gennaio.
Le giornate più ventose in assoluto sono state il 5 e 6. Il giorno 5 l’intensità della media vettoriale ha superato i 10m/s in una parte consistente della Sardegna, con un massimo di 16.6m/s (da Ovest) a Bitti. Nell’arco dei due giorni il vento ha soffiato di burrasca o tempesta per molte ore un particolare a Bitti (20 ore su 48) e a Villasalto (8 ore), raggiungendo i valori più elevati nel corso della notte tra il 5 e il 6.
In molte località le massime raffiche del 5 e 6 hanno raggiunto i massimi valori mai registrati dalla rete dell’ARPAS/SAR, cioè dal 1995. I valori registrati sono stati 44.7m/s da Ovest a Bitti, 43.4m/s (da Nord-Ovest) a Siniscola e 38.3m/s (da Ovest) a Luras. Le massime raffiche del 5, inoltre, hanno superato i 30m/s su circa metà del territorio regionale.
Numerose le giornate quasi prive di vento, come ad esempio il 9 o il 29.

Frequenza del vento medio giornaliero
Frequenza del vento massimo giornaliero

Radiazione ed eliofania
Radiazione Globale La radiazione globale integrata nel mese è compresa tra i circa 160 MJ/m2 del Nord dell’Isola e gli oltre 190 MJ/m2 del Sud-Est. Si tratta di valori inferiori di circa 20 MJ/m2 rispetto alla media del 1995-2006. Anche l’eliofania media del mese è inferiore alla media climatologica di circa 27min.
La giornata più luminosa è stata il 19, quando a Barisardo si sono avuti 10.7 MJ/m2; la più soleggiata, invece, è stata il 17 con 8h 47min di sole misurati e Chilivani.
La giornata più buia è stata il 16: 0.6 MJ/m2 a Dorgali e valori inferiori a 5 MJ/m2 altrove. La meno soleggiata, infine, è stata il 23 con il cielo coperto per tutto il dì a Zeddiani.


Eliofania media 3h 42min
Climatologia 4h 09min
Anomalia media -27min
Media delle ore diurne con cielo coperto 5h 46min
Eliofania massima del mese (17.01.2012) 8h 47min
Eliofania minima del mese (23.01.2012) 0min



dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2014 Arpa Sardegna
note legali e privacy | SardegnaArpa | mappa | statistiche