Ritorna all'homepage del dipartimento MC
 homepage > i nostri servizi > meteorologia > situazione attuale > analisi ed evoluzione sinottica

Analisi ed evoluzione sinottica del 18 marzo 2019

Una saccatura nella medio-alta troposfera si estende dalla Penisola Scandinava fino al Mediterraneo. A questa struttura depressionaria è associata una profonda circolazione ciclonica, con minimo principale di pressione al suolo, attorno ai 990 hPa, centrato tra Svezia e Norvegia meridionali; più a sud un fronte freddo sta attraversando, indebolendosi, anche il territorio nazionale laddove, sui bacini settentrionali italiani, si è instaurata una ciclogenesi sottovento all'arco Alpino, collegata alla struttura depressionaria sopra citata. Ad est, tra il Mediterraneo orientale e il Mar Nero, è invece presente un promontorio anticiclonico e sull'Oceano Atlantico, similmente, è presente una forte struttura di alta pressione, collegata all'Anticiclone delle Azzorre, con massimo al livello del suolo di oltre 1030 hPa, a nord-ovest delle coste atlantiche della Spagna.

Tra oggi e domani la saccatura citata tenderà ad approfondirsi ulteriormente verso il Mediterraneo, portando debole instabilità da isolata a sparsa sul territorio nazionale con particolare riferimento alle aree adriatiche nella giornata odierna e al centro-sud, Sardegna compresa, in quella di domani. Contestualmente i gradienti barici, indotti dalla ciclogenesi sottovento alla catena Alpina, indurranno per oggi una ventilazione generalmente moderata da Nord-Ovest sulla nostra Isola. Il passaggio frontale freddo sul nostro territorio nazionale determinerà inoltre un calo termico abbastanza generalizzato, specie nei valori minimi di domani.

Da mercoledì, l'alta pressione atlantica comincerà ad espandersi verso est sul continente europeo, tagliando di fatto l'alimentazione di aria fredda nord-atlantica verso il Mediterraneo, laddove si isolerà tuttavia una circolazione ciclonica chiusa, nella medio-alta troposfera, che convoglierà umidità nella media troposfera tra Tirreno centro-meridionale, Mar di Sardegna e coste algerine. Questa struttura depressionaria rimarrà attiva fino almeno alla prima parte di giovedì. Per venerdì l'ulteriore espansione verso est dell'alta pressione atlantica dovrebbe confinare la struttura depressionaria alle coste tunisine e algerine.





Link immagini (fonti esterne aggiornate distintamente da questo bollettino)
 Situazione osservata alle 00:00Z   http://www.wetterzentrale.de 
Link immagini
 Vorticità relativa e Geopotenziale 500 hPa   +24 +48 +72 +96 +120 +144 
 Umidità relativa 700 hPa e Geopotenziale 500 hPa   +24 +48 +72 +96 +120 +144 
 Pressione MSL e Temperatura 850 hPa   +24 +48 +72 +96 +120 +144 



dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2019 Arpa Sardegna
note legali e privacy | SardegnaArpa | mappa | statistiche